Settembre 2017 – Viaggio dell’Associazione in Bosnia

Nei giorni 8-9-10-11 settembre si è svolto il viaggio sociale dell’Associazione in Bosnia a cui hanno partecipato 40 persone tra iscritti e simpatizzanti. Il programma prevedeva – con base a Sarajevo – la visita a Rudo e Srebrenica e la visita alla stessa città di Sarajevo. I nostri accompagnatori sono stati la Signora Kanita con i figlio ed Elma, neo-laureata in Ingegneria Meccanica che all’età di 4 anni è stata tra i primi bambini ospitati a Vicenza dall’Associazione.

Al seguente link alcuni momenti del viaggio. Si ringraziano Luciano Volpato, Matteo Serra ed Andrea Furlan per le fotografie.

Rudo ed il nuovo Centro polifunzionale per disabili

L’attuale centro per ragazzi con disabilità, ormai risulta insufficiente a gesitire tutte le richieste e l’Associazione si è posta l’obiettivo di un nuovo centro polifunzionale più grande tramite la ristrutturazione di uno stabile già esistente che purtroppo ha subito un incendio a causa di un cortocircuito e da allora non più utilizzato. la visita a Rudo del giorno 9 settembre ha consentito di toccare con mano questa realtà di pesanti difficoltà sociali ed economiche, ma anche di voglia di riscatto e di grande senso di attaccamento al territorio ed alle tradizioni.

Prima di arrivare a Rudo è stato possibile visitare Visegrad (centro con il famoso ponte sulla Drina e con il ‘finto’ quartiere costruito dal regista Emil Kosturiza dedicato proprio al premio Nobel per la letteratura Ivo Andric autore del romanzo ‘il ponte sulla Drina’) 

Visegrad - Ponte sulla Drina

Visegrad – Ponte sulla Drina

ed è stato possibile effettuare un giro in battello sui fiumi Lim e Drina.

Navigazione del fiume Lim

Navigazione sul fiume Lim

A Rudo con presenza delle autorità locali amministrative e religiose (presenti sia il Pope che l’Imam) e del Nunzio Apostolico, è stato organizzato uno spettacolo folkloristico e successivamente le visite guidate all’attuale centro per disabili ed al nuovo stabile da ristrutturare.

Spettacolo folkloristico a Rudo

Spettacolo folkloristico a Rudo

Srebrenica

“Se questo è un uomo”. a Srebrenica, viene in mente il titolo del romanzo di Primo Levi, testimonianza di quanto vissuto dall’autore nel campo di concentramento di Auschwitz. L’11 luglio 1995 vennero massacrati più di 8.000 mussulmani bosniaci dalle truppe dal generale Ratko Mladić; Srebreniza era una zona protetta e demilitarizzata sotto il controllo dell’ONU, ma nessuno intervenì per evitare il massacro. Non pensiamo sia nostro compito dare giudizi, ma solo raccoglierci in silenzio.

Srebreniza-Potocari

Srebrenica-Potocari

Sarajevo

Nella tardo pomeriggio del 10 settembre al ritorno da Srebreniza, è stato possibile effettuare una breve visita guida di Sarajevo, terminata con una cena in un tipico locale di Sarajevo, onorata dalla presenza del nostro Ambasciatore in Bosnia, Dott. Nicola Minasi

Sante Bressan (sinistra) con l'Ambasciatore Nicola Minasi (destra)

Sante Bressan (sinistra) con l’Ambasciatore Nicola Minasi